I partecipanti alla conferenza Phocuswright Europe 2017 hanno assistito a un’intervista esclusiva tra Johannes Thomas, parte del management di trivago, e Douglas Quinby, vicepresidente senior del team di ricerca di Phocuswright.

Nel corso della conversazione Johannes Thomas ha parlato del suo profondo interesse per la tecnologia e per l’industria alberghiera, di come l’eliminazione delle gerarchie aziendali promuova la passione imprenditoriale e il progresso e del perché trivago stia investendo così tanto nel diventare un brand conosciuto a livello globale.

Perché dietro a quella che Quinby chiama “strategia aggressiva di brand building” c’è un motivo valido, legato all’impegno dell’azienda nei confronti della sua proposta di valore, ai viaggiatori che usano il sito per cercare un hotel e agli albergatori che lo sfruttano per essere competitivi online.

“Cosa sta succedendo con le prenotazioni sui metasearch?”

In riferimento agli altri grandi protagonisti del settore del metasearch che al momento stanno testando sistemi di prenotazione propri, Quinby ha fatto la grande domanda: “cosa sta succedendo con le prenotazioni sui metasearch?”.

La risposta di Johannes Thomas è stata inequivocabile, così come lo è la posizione di trivago. “Siamo sempre stati molto chiari: non siamo un sito di prenotazione. Non crediamo in questa idea ibrida”. Johannes Thomas ha spiegato qual è la logica alla base di tale posizione e perché trivago non cambierà idea in futuro: una scelta simile creerebbe molta confusione negli utenti, che non capirebbero tramite chi stanno prenotando.

“Siamo un metasearch”, ha sottolineato, “e grazie al nostro sito rendiamo il mercato trasparente [per gli utenti]”.

Ed è proprio questa la chiara proposta di valore che trivago offre ai viaggiatori: un mercato trasparente con una selezione imparziale di offerte hotel tra le quali scegliere. Se l’obiettivo dei viaggiatori è trovare il loro hotel ideale al prezzo più basso, l’obiettivo di trivago è far sì che sia possibile. Come? Presentando agli utenti una lista completa di offerte hotel disponibili online che rispecchino i criteri di ricerca inseriti, qualsiasi essi siano.

“Il loro brand viene messo in primo piano”

“Per quanto riguarda le prenotazioni, la nostra posizione è motivata dal nostro obiettivo di aiutare gli inserzionisti [gli albergatori] ad essere competitivi nel nostro mercato”. Johannes Thomas ha messo in evidenza il fatto che alcuni inserzionisti (i grandi nomi nel settore delle prenotazioni alberghiere) sono in grado di creare prodotti che funzionano bene e percorsi di conversione efficaci, mentre altri “non hanno i dati o le risorse per farlo”.

Ecco perché trivago fornisce loro la tecnologia e i dati necessari per creare una condizione di parità, in modo che ogni hotel possa competere su questo metasearch globale. E parliamo di una tecnologia che, grazie a una gestione semplificata delle campagne e a maggiori possibilità di generare conversioni, non solo permette agli hotel più piccoli di competere online, ma li aiuta anche a farlo tramite il proprio brand, la propria identità: “il loro brand viene messo in primo piano”.

La fase della prenotazione rappresenta l’unica parte del percorso online durante la quale trivago non vuole essere nella mente dei viaggiatori. È importante che gli utenti sappiano esattamente dove stanno prenotando e con quale brand, e nel futuro prossimo quel brand non sarà trivago.

Perché quello che trivago sta cercando di fare è creare un mercato trasparente e solido, nel quale tutti gli hotel possano competere per attirare gli ospiti grazie a una tecnologia semplice ed economicamente accessibile. Diventare uno dei concorrenti di questo mercato non fa invece parte dei piani dell’azienda.

Guarda l’intera intervista (in inglese)

mm

trivago Hotel Manager Blog

Il team del blog di trivago Hotel Manager è composto da un appassionato gruppo di esperti dell'industria e giornalisti, che si occupano degli argomenti chiave del settore dell'ospitalità. Il team pubblica articoli su tecnologie per hotel, hotel marketing, trend e eventi, e condivide consigli per tenere gli albergatori informati e aggiornati, dando loro le conoscenze di cui hanno bisogno per essere competitivi online.

More Posts

Iscriviti adesso per ricevere gli ultimi consigli di hotel marketing direttamente via email.
Placeholder Placeholder