Dal 16 al 18 febbraio trivago ha partecipato a BTM Puglia 2017, terza edizione di questo nuovo evento con focus su turismo e food. L’evento, ospitato quest’anno dal meraviglioso Castello Carlo V di Lecce, sta crescendo a vista d’occhio.

Per trivago è stata una piacevole conferma, visto che abbiamo partecipato anche lo scorso anno. Tornare e trovare un gruppo di persone appassionate e dedicate a portare speaker e aziende di livello nel Sud Italia per far sì che chi lavora nell’industria ricettiva possa avere spunti, idee e formazione per praticare al meglio l’arte dell’accoglienza è stata sicuramente una nota positiva.

Noi siamo stati presenti in qualità di espositori, con l’intento di incontrare gli albergatori per ascoltarne le impressioni e i suggerimenti, sempre preziosi, ma anche per incontrare le aziende che volessero instaurare una collaborazione. Inoltre, abbiamo avuto il piacere di poter far parte del gruppo di relatori che ha ispirato il pubblico partecipante.

Lo stand di trivago a BTM Puglia 2017

Per noi, per quanto riguarda gli argomenti presentati, il focus riguardava l’importanza dei contenuti e il gestionale albergatori trivago Hotel Manager. Con mio grande piacere, ho potuto constatare che in tutti gli argomenti presentati dai vari relatori che, oltre a me, si sono succeduti sul palco di BTM nelle tre giornate dell’evento, c’era un unico filo conduttore: l’importanza della presenza online.

Come ho anticipato, infatti, noi abbiamo voluto porre l’accento sui contenuti e, in particolare, sui contenuti visivi. Perché?

Perché sono quelli che hanno un effetto maggiore sul processo decisionale degli utenti, perché agiscono sulle loro aspettative, sui desideri, sull’immaginazione. Sono quei contenuti su cui abbiamo potere e che gli albergatori possono e devono assolutamente sfruttare a proprio vantaggio. Per dare un’idea visiva e dei numeri sull’importanza delle foto, ho riproposto il Case Study realizzato con Alessandro Catania e l’Albergo del Senato di Roma.

Per gli albergatori, uno strumento utile a loro disposizione è trivago Hotel Manager, tramite cui possono scegliere le foto da mostrare agli utenti e aggiungere le informazioni necessarie a catturare la loro attenzione per far sì che poi siano indotti a scoprire di più direttamente sul sito ufficiale.

Isabella Scaccia presenta il Case Study sulle foto a BTM Puglia 2017

Nicoletta Polliotto, di MuseComunicazione, ha voluto ricordare agli albergatori come un sito semplice e lineare sia la scelta migliore. Ha mostrato infatti vari casi di come progettare il sito di una struttura ricettiva: per esempio, molto importante risulta l’avere un massimo di 4 voci nel menù per non bombardare l’utente di informazioni.

L’altro dato interessante su cui si è focalizzata Nicoletta Polliotto sono i touch point che si hanno con gli utenti: quali sono i punti di contatto? Bisogna infatti ricordare che l’utente di oggi vive di micro-momenti e, seppure questo possa sembrare un ostacolo perché rappresenta un’esperienza forse frammentata, bisogna invece vedere questi micro-momenti in un’ottica di possibilità: infinite possibilità che abbiamo di entrare in contatto con il potenziale cliente.

A seguire, ho assistito alla presentazione di un entusiasta Alfredo Monetti, di Hospitality Mood. Seguendo l’onda della Polliotto, Monetti esalta la funzionalità di un sito come diretta conseguenza di semplicità. Ha presentato al pubblico due casi che mi sono rimasti impressi: il rebranding dell’hotel Ariae di San Giovanni Rotondo e quello del Love Boat di Riccione. Definendo un’idea chiara e pulita, Monetti è riuscito a donare un aspetto nuovo alle strutture e a trovare i giusti punti di forza per promuoverle e risollevarne la reputazione. La spinta che gli albergatori dovrebbero seguire sta in una frase comparsa su una delle sue slide: The difference between who you are and who you want to be is what you do.

Rebranding del Love Boat hotel di RiminiRebranding dell'hotel Ariae di San Giovanni Rotondo

Salvatore Menale affronta invece l’argomento da un’altra ottica: parte infatti da una domanda importante. Perché le persone preferiscono prenotare sulle OTA rispetto ai siti delle strutture? Nella sua presentazione cerca di dare una risposta alla domanda fornendo suggerimenti e consigli utili su come portare queste persone direttamente sul sito dell’hotel. Cos’è che manca sui siti diretti delle strutture e che si può migliorare? Leggete la slide nella foto qui sotto.

Salvatore Menale a BTM Puglia 2017

Un altro intervento che ha toccato da vicino gli argomenti da me trattati, è stato quello di Bruno Barillari che ha parlato di foto di qualità. La particolarità della sua presentazione però sta nel fatto che secondo lui per ottenere delle foto in HQ non serve necessariamente spendere dei soldi per un fotografo d’eccezione ma si può usare anche uno smartphone facendo ovviamente attenzione a determinati dettagli e mettendoli in pratica. Bastano la luce giusta, un’inquadratura adeguata e un po’ di pazienza. Ovviamente, da fotografo professionista, non mette sullo stesso livello dello smartphone un servizio fotografico professionale, che risulterebbe comunque un investimento a lungo termine. Barillari cerca invece di venire in aiuto di quegli albergatori che momentaneamente non hanno la possibilità di realizzare un servizio professionale e che possono quindi aggirare l’ostacolo con i suoi consigli.

Vi lascio con il video riassunto dei tre giorni di BTM Puglia.

Se avete commenti o domande sugli interventi qui citati, lasciateci un commento.

Noi vi aspettiamo al prossimo evento!

Isabella Scaccia

Isabella è Industry Manager di trivago per il mercato italiano. Il suo obiettivo è aiutare gli albergatori a migliorare i loro risultati online con consigli utili e semplici suggerimenti di marketing. Negli ultimi anni, Isabella ha contribuito alla crescita della piattaforma italiana di trivago occupandosi di varie attività di marketing e comunicazione. Ora lavora a contatto diretto con gli albergatori per informarli sulle ultime novità nel settore del marketing online per hotel.

More Posts

Iscriviti adesso per ricevere gli ultimi consigli di hotel marketing direttamente via email.
Placeholder Placeholder