Ayre Hotels è la prima catena spagnola a lanciare trivago Express Booking grazie alla tecnologia di Mirai, un’azienda che aiuta gli hotel a ottimizzare la loro distribuzione per aumentare il fatturato e migliorare l’esperienza degli utenti. 

Di recente abbiamo intervistato l’amministratore delegato di Mirai Pablo Delgado per conoscere il suo punto di vista sulle tecnologie per hotel e la distribuzione alberghiera. Pablo ha condiviso con noi le sue opinioni sulle sfide che si trovano ad affrontare oggi gli albergatori, sull’importanza del metasearch e del metasearch marketing e sull’utilità di strumenti come Express Booking per ricevere prenotazioni dirette. Leggi l’intera intervista qui.

 

Ciao Pablo! Grazie mille per averci concesso quest’intervista. Puoi spiegare ai nostri lettori quali servizi offre Mirai agli hotel indipendenti e alle catene alberghiere?

Lavoriamo con gli hotel per ridurre i loro costi di distribuzione e, di conseguenza, aumentare il loro fatturato e minimizzare la loro dipendenza dai canali di distribuzione. Per riuscirci, ci occupiamo di tre aree: creiamo e manteniamo le piattaforme di prenotazione diretta degli hotel (siti web, funzionalità per dispositivi mobili e booking engine), le promuoviamo affinché gli ospiti possano effettivamente trovarle e, soprattutto, aiutiamo gli hotel a elaborare una strategia concreta per le prenotazioni dirette con azioni specifiche da mettere in atto in momenti specifici. Insomma, diamo loro un piano d’azione da seguire.

Sei un professionista che lavora da oltre 20 anni nell’industria dei viaggi. Quali sono secondo te i cambiamenti più importanti che hanno caratterizzato il panorama della distribuzione alberghiera negli ultimi anni?

Il panorama della distribuzione alberghiera online cambia di anno in anno, e questi cambiamenti vanno senza dubbio a favore dei siti di prenotazione e a sfavore delle vendite dirette. I primi sono dei veri esperti nell’adattarsi ai cambiamenti del mercato. La loro attività principale è proprio questa. Gli hotel invece hanno dei tempi di reazione molto più lenti e ogni volta che non si adattano a un cambiamento, fanno un passo indietro rispetto al loro obiettivo di ridurre la dipendenza dai canali di distribuzione.

Notiamo dei cambiamenti ogni sei mesi, ma se devo scegliere quelli che mi hanno colpito di più negli ultimi 20 anni direi l’impressionante diffusione dei dispositivi mobili, la constatazione che gli hotel hanno perso il controllo delle loro tariffe finali (problema che pochi di loro sanno risolvere alla radice), l’arrivo e il consolidamento dei metasearch e, ultimamente, la battaglia per fidelizzare i clienti, che vede di nuovo vincitori i canali di distribuzione.

Dal punto di vista di un partner tecnico per hotel indipendenti e catene alberghiere come Mirai, quali sono le sfide tecnologiche che l’industria si è trovata ad affrontare negli ultimi anni?

Potrei citarne tante, ma ne elencherò solo alcune.

Oggi la maggior parte delle ricerche hotel avviene sui dispositivi mobili (tablet e smartphone), per cui l’industria si trova di fronte a una sfida tecnologica da un lato, e concettuale dall’altro: come si possono attirare gli utenti che mentre camminano per strada navigano, usano app e controllano i social media con il cellulare? È una questione che va ben oltre la tecnologia.

Oggi tutto è connesso con tutto: PMS, CRM, booking engine, channel manager, metasearch… Creare e mantenere tutte queste integrazioni è caro e per molti albergatori non è fattibile. Fin dall’inizio, Mirai ha puntato sull’avere le migliori integrazioni con i metasearch, e pensiamo che ne sia valsa la pena. L’esempio più recente è l’integrazione con trivago Express Booking.

La fidelizzazione è un’altra sfida alla quale gli albergatori non sanno far fronte. Se è vero che la tecnologia rappresenta un problema, è anche vero che gli albergatori sono immobili di fronte a questo ostacolo. Il problema più grande è proprio la loro immobilità, che li porta a lasciare il campo libero ai canali di distribuzione per fidelizzare gli ospiti al posto loro.

Secondo te, quali sono i fattori necessari per far sì che un hotel indipendente o una catena ottengano il massimo da una campagna di metasearch marketing? Sappiamo che una landing page ottimizzata e delle tariffe competitive influenzano i risultati delle campagne e il loro successo nel generare prenotazioni dirette, ma ci sono anche altri fattori?  

I fattori chiave per far sì che una campagna di marketing sia redditizia sono:

  • Avere un inventario. Può sembrare assurdo, ma molti hotel entrano nel mondo dei metasearch senza gestire il proprio inventario in modo adeguato e poi rimangono delusi dal basso volume di vendita che generano tramite questi siti. Senza inventario non funziona nulla, né le prenotazioni dirette, né quelle tramite i siti di prenotazione.
  • Controllare le tariffe. Nessun canale di distribuzione dovrebbe promuovere delle tariffe che non sono state approvate dall’hotel. Per evitare che succeda, gli hotel devono farsi avanti e affrontare i canali meno trasparenti, come i grossisti e alcuni siti di prenotazione.
  • Idealmente, avere prezzi migliori rispetto ai siti di prenotazione. Se riesci a promuovere una tariffa migliore di quelle dei principali siti di prenotazione, le tue campagne di metasearch marketing saranno molto più redditizie.
  • Avere le migliori tecnologie di integrazione. Molti brand cercano di mercificare l’integrazione con i metasearch, ma è un errore. Noi dedichiamo tante risorse all’impostazione e alla gestione delle nostre integrazioni, assicurandoci che funzionino ad esempio per le ricerche di camere familiari e che siano compatibili con le ultime versioni dei metasearch, come nel caso di trivago con Express Booking. Quando un hotel dice di avere un’integrazione con trivago, dovreste chiedergli: puoi vedere i prezzi per mercato? E le camere familiari? Hai un’integrazione con Express Booking?
  • Come hai già detto, una landing page ottimizzata e un booking engine competitivo. Sarebbe un peccato fare tutti questi sforzi e poi perdere il potenziale ospite proprio quando è a un passo dal prenotare.

Mirai è il primo partner tecnico in Spagna ad implementare Express Booking per migliorare sia il tasso di conversione degli hotel che l’esperienza degli utenti durante la fase di prenotazione. Quali altri vantaggi pensi che questo prodotto offra al momento di creare una campagna di metasearch marketing di successo?

La triste realtà è che senza prodotti simili, il numero di utenti che completa la prenotazione dopo essere stato reindirizzato al sito web dell’hotel o a un sito di prenotazione diminuisce drasticamente, soprattutto se la ricerca viene effettuata tramite un’app. Il motivo è che il cambiamento di design con l’apertura della nuova finestra è un elemento di disturbo per l’utente, soprattutto sui dispositivi mobili, dove tutto è più complicato. L’obiettivo di prodotti come trivago Express Booking è proprio quello di eliminare questo “attrito”, soprattutto sui dispositivi mobili, per semplificare l’esperienza degli utenti e renderla più fluida. In più, dopo la prima prenotazione con trivago Express Booking, gli utenti possono decidere di salvare i loro dati per non doverli reinserire di nuovo, cosa che facilita ulteriormente il processo di prenotazione per i loro prossimi viaggi. A differenza di altri prodotti simili, trivago Express Booking offre agli hotel il vantaggio di avere il proprio logo visibile durante ogni fase, permettendo agli utenti di abbandonare il processo in qualsiasi momento e continuare sul sito web dell’hotel. Ad oggi, questa caratteristica è davvero unica.

Quali risultati ti aspetti da trivago Express Booking?

Mi aspetto che gli hotel che sono già su trivago ottengano un successo maggiore e riescano a ridurre i loro costi di commissione e, di conseguenza, ad aumentare il loro fatturato. A sua volta, questo motiverebbe più hotel a partecipare ad Express Booking per approfittare della visibilità delle tariffe del loro sito web su trivago e ricevere prenotazioni dirette, che altrimenti andrebbero a siti di terzi.

Cosa ti ha spinto a integrare l’inventario del tuo hotel tramite trivago Express Booking?

Come parte di un’adeguata strategia di distribuzione, consigliamo ai nostri clienti di inserire le loro tariffe ufficiali in più piattaforme possibili. trivago è uno dei più importanti metasearch per hotel con una visibilità sempre maggiore, e per noi è un partner strategico. Abbiamo puntato su trivago Express Booking per permettere agli albergatori di raggiungere milioni di viaggiatori, aumentare la visibilità delle tariffe del loro sito web e ridurre i loro costi di distribuzione grazie un miglior tasso di conversione. In più, in qualità di primo partner spagnolo connesso a trivago Express Booking, Mirai è nella posizione migliore per offrire agli albergatori il servizio di redistribuzione più completo.

Mirai è un partner tecnico che lavora costantemente per migliorare l’esperienza degli utenti durante la fase della prenotazione. Quali sono le misure di miglioramento più importanti per agevolare il processo di prenotazione?

Siamo nel 2017 e il problema principale degli hotel non è come migliorare il processo di prenotazione, ma come eliminare gli elementi di disturbo che circondano i potenziali ospiti. Per risolverlo, bisogna assicurarsi che gli ospiti trovino sempre le tariffe migliori sul sito web dell’hotel e non su altri siti. Non c’è esperienza peggiore di quella di scegliere un hotel, visitare il sito web ufficiale e trovare una tariffa più alta rispetto a quella di un sito di prenotazione. Il potenziale ospite, oltre ad essere confuso, penserà che l’albergatore non stia gestendo il suo hotel in modo intelligente.

Una volta risolto questo problema, gli albergatori devono concentrarsi sulla loro struttura e ottimizzare l’esperienza degli ospiti. E non è una cosa da fare una volta e poi dimenticare per sempre. Non è come aggiornare la tua tecnologia ogni 2 o 3 anni. In questo caso, si tratta di mettere in atto continui miglioramenti, passo dopo passo, facendo dei test e monitorando i risultati delle proprie azioni. A Mirai non smettiamo mai di aggiornare il nostro booking engine, rendendolo più potente e facile da usare con ogni piccolo cambiamento (a volte anche invisibile a prima vista), e valutiamo la differenza tra il prima e il dopo per assicurarci di essere sulla strada giusta.

Cosa può fare un hotel che collabora già con Mirai per pubblicare le tariffe del suo sito web direttamente su trivago?

L’albergatore deve semplicemente contattare il suo account manager di Mirai. Il nostro team di online marketing si occuperà di analizzare i mercati ai quali l’hotel vuole rivolgersi, farà una stima del budget da investire e monitorerà costantemente la campagna per ottimizzarne i risultati.

mm

Katiuska Pérez

Katiuska aiuta da anni le catene alberghiere nei mercati di lingua spagnola. Dopo aver lavorato come account manager in vari dipartimenti di trivago, oggi fa parte del team di Global Marketing and Communications, dove mette in pratica la sua esperienza e le sue competenze a sostegno degli inserzionisti di trivago.

More Posts

Iscriviti adesso per ricevere gli ultimi consigli di hotel marketing direttamente via email.
Placeholder Placeholder